Coaching

Correre o non correre: ecco la risposta

Ogni mattina, devi prendere una decisione. Questo semplice consiglio ti aiuterà a fare la scelta giusta.

Ultimo aggiornamento: [data]
È davvero il caso di correre oggi? Ecco come stabilirlo.

Magari ieri il tallone ha iniziato a farti male. Magari i polpacci sono ancora doloranti a causa della pedalata inaspettatamente lunga di domenica. Magari ti senti così in forma da poter stracciare senza problemi un runner da 20 km, ma non ti prendi un giorno libero da settimane. O magari, a causa delle esigenze lavorative e domestiche, i livelli di stress sono al limite.

Ci sono milioni di motivi per cui chiedersi se correre o meno. Ecco un modo per aiutarti a trovare la risposta: "Devi ascoltare il tuo corpo", afferma Chris Bennett, Global Head Coach di Nike Running. Può indicarti se i muscoli si sentono un po' affaticati o se sono effettivamente a pezzi, oppure se una corsa può costituire una buona pausa per schiarirti le idee o rivelarsi un'altra attività generatrice di ansia in una giornata stressante.

Saper ascoltare richiede pratica e tentativi ma conoscersi a un livello più profondo è la componente più gratificante della corsa, afferma l'olimpionica Marielle Hall, fondista professionista e atleta Nike.

La runner spiega: "Sapere quando è il caso di prendersi una giornata libera e quando riposarsi può essere importante tanto quanto un record personale o un allenamento davvero eccezionale. "Sviluppi intuito rispetto al tuo corpo e sei in grado di distinguere il disagio dal dolore che causa infortuni". Questa autoconsapevolezza può farti fare il salto di qualità, afferma Hall. Non devi riposarti solo quando hai subito un infortunio o non hai più energie. Sei tu ad avere il controllo e a fare la scelta che può renderti più forte in futuro.

Un cambiamento semplice

Se sei in dubbio se andare a correre, chiediti: "Come mi farà sentire questa corsa?"

Questo è il consiglio di Shalane Flanagan, quattro volte atleta olimpica e coach del Bowerman Track Club. "Se correre è troppo stressante, se senti dolore o se la giornata non migliorerà grazie alla corsa, allora non è il caso di correre", afferma.

Flanagan, che di recente si è ripresa da due interventi chirurgici al ginocchio, dichiara di farsi spesso questa domanda. "Devo leggere i segnali del corpo e parlare onestamente con me stessa".

Per Bennet essere onesti significa anche sapere se stai rinunciando a una corsa perché ti intimorisce. In tal caso, il suo consiglio è quello di dirti che andrai a correre solo per cinque minuti. Puoi sempre fermarti. Puoi sempre camminare. Ma potresti anche scoprire che la parte più difficile era iniziare e che i 30 minuti successivi di corsa erano esattamente ciò di cui avevi bisogno.

Se, invece, il tuo comportamento è più di tipo A, da runner che deve dare sempre il massimo, presta attenzione al messaggio di Brett Kirby, PhD, studioso di human performance che ha lavorato con alcuni dei migliori runner del mondo presso il Nike Sport Research Lab.

"Costruisci un rapporto amichevole con la corsa, non aggressivo: non cercare di macinare chilometri a tutta velocità per metterti, poi, in una situazione dalla quale non riuscirai a uscire il giorno dopo", afferma Kirby. "In quel caso, si tratta solo di intensità fine a se stessa, e non credo che le persone con questo tipo di atteggiamento abbiano tanto successo".

"Devo leggere i segnali e parlare onestamente con me stessa."

Shalane Flanagan
quattro volte atleta olimpica e coach del Bowerman Track Club

Altri consigli per migliorare

1. Impara dai tuoi errori.
Hai fatto una long run dopo aver dormito male la notte ed è stata orribile? Concentrati sul risultato: la prossima volta, saprai che dovrai cambiare programma. Afferma Kirby: "Biasimarsi per aver perso una giornata o aver fatto una corsa pessima, ci penalizza ancora di più. Otteniamo maggiori vantaggi se cerchiamo di comprendere, imparare e andare avanti".

2. Prova qualcosa di diverso dalla corsa.
Se il tuo corpo o la tua mente non sono in sintonia con la corsa, fai sollevamento pesi, yoga o una lunga camminata. È quanto suggerisce Derek Samuel, fisioterapista e membro del Nike Performance Council. Secondo Samuel, il cross-training può aiutare il tuo corpo a prepararsi per la prossima corsa. E, cosa altrettanto importante, eliminerai qualsiasi associazione negativa con la corsa.

3. Modifica il tuo programma.
Ricorda che, come dice Bennet, il recupero non significa per forza niente corsa. Una corsa può avere un effetto catartico sulla mente ed essere un ottimo modo per ridurre l'accumulo di stress e ansia. Solo che la speed run o le ripetute massacranti che avevi pianificato potrebbero non essere l'ideale per raggiungere questi obiettivi. "L'obiettivo è quello di fare progressi, e a volte si fanno progressi attraverso delle semplici modifiche", afferma Bennett. "Esistono infiniti modi per modificare una corsa, ad esempio rendendola più breve, tranquilla o piana, e adattandola così a ciò di cui il corpo e la mente hanno davvero bisogno".

4. Non esagerare.
"Se strafai, spesso dovrai pagare lo scotto", avverte Samuel. Come dice ai suoi clienti, non c'è nulla di male nell'andare a letto pensando di dover fare di più. Samuel sostiene: "Questo servirà ad alimentare la tua sete e sarà meglio che pensare che hai davvero spinto troppo e stai malissimo".

Storie correlate

Più forte, più veloce e più resistente

Coaching

Ragionare come un coach di running

I movimenti per aumentare la forza ideali per migliorare ogni corsa

Coaching

Allenare la forza per migliorare la corsa

Consigli di alimentazione sana che funzionano davvero per i runner

Coaching

Consigli di alimentazione sana per i runner

Il consiglio per l'allenamento di cui ogni runner ha bisogno

Coaching

Il consiglio di cui ogni runner ha bisogno

Dormi bene questa notte per correre meglio domani

Coaching

Dormi meglio stanotte per correre meglio domani