Design delle scarpe sostenibile 101

Innovazione

Ecco cinque cose che il progetto Space Hippie ci ha insegnato sulla creazione di un futuro senza emissioni di carbonio.

Ultimo aggiornamento: [data]
Lettura di 11 min
Design sostenibile delle scarpe 101

"Una via migliore" è una serie che spiega come lavorare insieme per un futuro più sostenibile nello sport.

Creare dei design per un pianeta più sano è un po' come progettare una missione di volo su Marte: la posta in gioco è alta. Le risorse sono limitate. Il percorso è inesplorato. Per questo si tratta di un'avventura.

"Immaginiamo di stare tutti su una navicella spaziale con indosso le nostre tute. La mia è realizzata in velluto viola", dice James Zormeir, Footwear Designer di Nike, e continua: "Ci ritroviamo a pensare: 'Accidenti, dobbiamo far volare questa navicella!'"

Zormeir ha pilotato questa metaforica navicella con un team di colleghi ingegnosi e innovatori. Insieme hanno trasformato gli scarti per creare Space Hippie, una collezione di sneakers realizzate con materiali riciclati per il 25-50% del loro peso. Lanciata nell'estate 2020, questa collezione ha aperto la strada a una nuova era di sostenibilità per Nike e, speriamo, per tutto il mondo.

"Quando ci siamo dedicati a questo progetto non eravamo esperti di sostenibilità. Durante tutto il processo, abbiamo continuato a farci un sacco di domande."

Haley Toelle
Designer di Space Hippie

L'ambizioso obiettivo del team era realizzare una scarpa azzerando le emissioni di carbonio, un compito che richiedeva un modo di pensare innovativo in ogni fase del percorso. Anche se l'impatto ambientale è stato ridotto di oltre il 70% (e, in seguito, anche di più), il team non è riuscito ad azzerarlo.

E va bene così. Per il team, questo risultato finale è stato importante, come lo sono state le lezioni apprese e i dati raccolti lungo il percorso.

Per poter assimilare queste informazioni, il team doveva avere una mentalità aperta. "Quando ci siamo dedicati a questo progetto non eravamo esperti di sostenibilità. Durante tutto il processo, abbiamo continuato a farci un sacco di domande", afferma il designer Haley Toelle.

Sappiamo che anche tu hai delle domande. Quindi, dato che affrontiamo tutti insieme l'emergenza climatica, abbiamo pensato di condividere le nostre scoperte. Ecco cinque lezioni che Space Hippie ci ha insegnato sulla sostenibilità e che d'ora in poi prenderemo in considerazione per ogni esperimento futuro.

Design sostenibile delle scarpe 101

Progettare per la CIRCOLARITÀ significa realizzare prodotti in un ciclo infinito, ossia riciclare cose vecchie in cose nuove che possano essere a loro volta riciclate.

Lezione n. 1: è normale avere le idee confuse

Sentiamo parlare di sostenibilità in continuazione, dall'abbigliamento alle automobili fino ai chicchi di caffè. Ma cosa significa davvero?

È difficile dare una definizione, perché non è un concetto così chiaro come quando si parla di un oggetto che è sostenibile oppure no. Occorre considerare diversi fattori: di cosa è fatto, come viene realizzato, come viene spedito. Di conseguenza, la sostenibilità riguarda una vasta gamma di aspetti.

"Esistono tanti modi per misurarla", spiega Toelle. "Che si tratti di acqua, carbonio o pratiche lavorative. Non solo dal punto di vista del consumatore, ma anche come designer, può essere davvero complicato capire esattamente su cosa concentrarsi."

Ecco perché è stato fondamentale per il team Space Hippie scegliere prima di tutto un obiettivo. E la decisione è stata quella di concentrarsi sulla realizzazione di una scarpa a zero emissioni di carbonio. Noah Murphy-Reinhertz, Design Lead del progetto, spiega le motivazioni:

"Ci sono due cose che possiamo fare [come società]: ridurre le emissioni di carbonio nell'atmosfera ed eliminare il carbonio dall'atmosfera", afferma analizzando in termini semplici l'azione a favore del clima. "Dobbiamo fare entrambe le cose. Ma [la prima] possiamo farla letteralmente oggi."

"Ci sono due cose che possiamo fare: ridurre le emissioni di carbonio nell'atmosfera ed eliminare il carbonio dall'atmosfera."

Noah Murphy-Reinhertz
Design Lead di Space Hippie

Ti stai chiedendo cosa hanno a che fare le emissioni di carbonio con tutto questo? Per fabbricare semiconduttori high-tech o semplicemente accendere il tostapane, si devono bruciare combustibili fossili ricchi di carbonio. Le conseguenti emissioni di gas serra, come il biossido di carbonio (CO2), intrappolano il calore del sole nell'atmosfera, diventando le principali responsabili del cambiamento climatico. Anche se alcune emissioni di CO2 si verificano in modo naturale (una cosa positiva perché senza l'effetto serra, la Terra sarebbe una gigantesca sfera di ghiaccio), le quantità di CO2 che abbiamo prodotto negli ultimi 200 anni stanno rendendo instabile la situazione.

Nonostante il team, questa volta, non abbia raggiunto l'obiettivo di azzerare le emissioni di carbonio, il modello Space Hippie "04" ha registrato circa 3,7 kg di CO2e, ossia l'equivalente di anidride carbonica che misura in modo standard l'impatto ambientale totale. Per capirci meglio, la realizzazione di un paio di queste scarpe rilascia nell'ambiente la stessa quantità di carbonio di un'auto che percorre circa 15 km o di 472 smartphone sotto carica.

Rispetto a un modello standard che supera di tre volte quel valore (attestandosi, secondo uno studio del Massachusetts Institute of Technology, sui 12,5 kg di CO2e), Space Hippie ha rappresentato un grande passo avanti nella giusta direzione. Com'è riuscito il team a raggiungere questo risultato?

Design sostenibile delle scarpe 101

CICLABILITÀ: il processo di trasformazione di vecchi oggetti in nuovi oggetti, come il RIUTILIZZO di scarti di lavorazione in nuove scarpe, oppure l'UTILIZZO di vecchie scarpe nelle superfici dei campi sportivi.

Lezione n. 2: migliora qualcosa di buono

Sappiamo per certo che il maggior impatto ambientale di Nike, più del 70%, deriva dai materiali che utilizziamo.

A suo vantaggio, il team Space Hippie aveva a disposizione alcune innovazioni del passato nel campo dei materiali sostenibili. Come il Flyknit, un'innovazione Nike lanciata nel 2012, che riduce l'impatto ambientale grazie all'utilizzo di filato di poliestere riciclato in una struttura in maglia estremamente efficiente.

"Riduci a pezzetti una bottiglia di plastica, poi fondi i pezzetti, riestrudili e, alla fine, avrai un nuovo poliestere", spiega Murphy-Reinhertz descrivendo come viene solitamente realizzato il materiale di base del Flyknit. Sembra fantastico ma, afferma Murphy-Reinhertz, c'è un inghippo: "Questo processo impiega notevoli quantità di energia e calore".

Ciò significa che, nello spettro della sostenibilità, il Flyknit riduce l'impatto ambientale rispetto alla maggior parte degli altri materiali utilizzati nelle scarpe, ma non basta. In tutto questo, il team ha visto l'opportunità per innovare ulteriormente, sostituendo il 50% del poliestere riciclato contenuto nel Flyknit con scarti di t-shirt provenienti dal reparto di produzione.

"Sottoponiamo letteralmente [gli scarti delle t-shirt] a un'operazione che prevede l'utilizzo di una sorta di cippatrice", spiega Murphy-Reinhertz. "Si impiega davvero pochissima energia. Nessun riscaldatore, nessuna grande pressa idraulica. Riduciamo il tutto a un filato e lo intrecciamo alla bottiglia di plastica estrusa".

Il nuovo ibrido ha preso il nome di Space Waste e il suo potenziale ecologico è enorme. "Questo filato [ci ha permesso di] ridurre l'impatto ambientale del 70% rispetto al classico poliestere riciclato", afferma Murphy-Reinhertz. "È stata la prima cosa che abbiamo creato ad avere un effetto positivo così grande".

"Uno dei nostri sviluppatori aziendali in Corea si è fatto un tatuaggio di Space Hippie. E anch'io me ne farò uno simile."

James Zormeir
Designer di Space Hippie

Lezione n. 3: abbraccia l'imperfezione

Il filato Space Waste ha fornito al team una riduzione dell'impatto ambientale per la tomaia delle scarpe. Tuttavia, per avvicinarsi allo zero, aveva bisogno di altre innovazioni.

"Un nostro collega aveva iniziato a lavorare alla schiuma Crater", afferma Toelle, riferendosi a una soluzione di materiali che avrebbe integrato circa il 10% di Nike Grind, scarti di gomma del processo di produzione delle scarpe, come riempitivo all'interno delle schiume a base di olio che compongono la maggior parte delle suole delle scarpe. "Cercava di ottenere un'uniformità maggiore, ma il risultato è stato un effetto granuloso", spiega Toelle.

Poiché l'obiettivo del team Space Hippie era la sostenibilità, un look che risaltava il progresso a discapito della perfezione era del tutto accettabile, anzi da incoraggiare. "Ha creato un'estetica incredibile, e invece di cercare di perfezionarla, abbiamo deciso di accettarla così com'era", ricorda Toelle.

Zormeir ha finito per adottare l'approccio funzionale. "Ho sempre avuto il pallino di ciò che definisco la rifinitura del design industriale", racconta Zormeir. "Per cui ero entusiasta della sfida estetica costituita da Space Hippie, perché secondo noi questo aspetto ruvido fa parte dell'idea di trasparenza radicale".

Avere una visione unica è una cosa. Ma per trasformarla in realtà, il team ha dovuto integrare altri elementi.

"La schiuma Crater ha dei 'difetti' a causa del riempimento di Nike Grind", dice Zormeir. "Io lo chiamo effetto 'torta arcobaleno'".

"Questo fatto andava contro il concetto appreso da chiunque di come dovesse apparire una scarpa ben realizzata", spiega Toelle riferendosi ai team di controllo della qualità nelle fabbriche dei partner Nike per i quali, solitamente, i "difetti" equivalgono a segnali di allarme. "Ma noi sostenevamo di apprezzare la natura wabi-sabi dei materiali. Le imperfezioni facevano parte del loro carattere e della riduzione degli sprechi. Non volevamo che le rifiutassero!".

Una volta che i partner di produzione hanno iniziato a comprendere che l'aspetto non convenzionale faceva parte di una missione più grande per ridurre l'impatto ambientale, il loro spirito positivo ci ha colto di sorpresa, talvolta in misura esagerata.

"Uno dei nostri sviluppatori in Corea si è fatto un tatuaggio di Space Hippie", racconta Zormeir. "E anch'io me ne farò uno simile".

Design sostenibile delle scarpe 101

Nell'estetica tradizionale giapponese, il termine WABI-SABI si traduce più o meno con "perfettamente imperfetto". Il modo in cui vengono assemblate le scarpe Space Hippie rende ciascun modello unico, cosa che qualcuno potrebbe considerare parte del loro fascino.

Lezione n. 4: divertiti

"All'inizio, il nome è saltato fuori come uno scherzo", afferma Zormeir parlando di Space Hippie: "Però ci stava. E ci ha fornito [un mantra]: se non è divertente, non è Space Hippie".

Ispirato al concetto di esplorazione spaziale dell'ISRU (utilizzo delle risorse in loco) e influenzato dalla filosofia ambientale degli anni '70, il nome ha dato al team molto più di un semplice slogan da adottare. Le vibrazioni e i valori dello spazio esterno sono diventati uno stile di vita.

"Fanny, che faceva parte del nostro team, diceva: 'Oh, questa roba ci porta su Marte'", ricorda Zormeir. "Come nei film, sei su Marte e hai a disposizione soltanto del nastro adesivo e della plastica…"

"Devi solo metterla insieme", prosegue Toelle. "Il processo [istantaneamente] è diventato più divertente".

Lasciandosi l'un l'altro bigliettini adesivi con faccine sorridenti e scritte d'incoraggiamento o pronunciando ad alta voce considerazioni per tutto il rumoroso spazio di lavoro industriale, l'energia del team ha preso piede e spinto in avanti il gruppo, in modo collaborativo.

Toelle afferma: "Sembrava una stazione spaziale in cui ognuno poteva offrire i propri spunti. Come se non dovessimo lavorare solo al design, ma a una missione molto più importante".

Tutto riporta a un senso di "impellente ottimismo" che non ci fa rifuggire dalle cattive notizie sull'ambiente, ma ci fa riflettere su ciò che stiamo facendo al riguardo. "Se non hai una visione positiva del futuro, perché qualcuno dovrebbe voler unirsi a te per arrivarci?", afferma Murphy-Reinhertz.

Design sostenibile delle scarpe 101

SCALABILITÀ: la magia non riguarda solo un progetto ambizioso, ma l'applicazione di una buona idea al maggior numero possibile di progetti.

Lezione n. 5: vai avanti

"La vera magia di [trovare] diversi modi per realizzare una scarpa sta negli ulteriori risultati che puoi ottenere", afferma Murphy-Reinhertz. Nel caso di Space Hippie, si trattava di un nuovo livello di condivisione delle informazioni e del lavoro di squadra.

"Questo tipo di progetti non dovrebbe essere supersegreto", afferma Toelle. "Dovrebbe [aiutare] le persone a sentirsi più forti". Nike ha iniziato a condividere ciò che ha appreso in materia di sostenibilità con una guida di progettazione circolare pubblicata online nel 2019 per aiutare gli innovatori di tutto il mondo a prendere decisioni. Questo spirito di condivisione è in crescita, in tutto il settore e all'interno delle nostre case.

"Abbiamo iniziato a far aderire le persone in azienda in modo da creare una base", afferma Toelle, ricordando le conversazioni pre-COVID avute di persona: "In una sala conferenza c'è un armadio in cui abbiamo riposto dei tappeti orientali e quando facevamo le riunioni di design ci mettevamo tutti per terra".

"Questo tipo di progetti non dovrebbe essere supersegreto. Dovrebbe [aiutare] le persone a sentirsi più forti."

Haley Toelle
Designer di Space Hippie

Zormeir organizza le riunioni migliori: "[Mettevamo su] della strana musica d'ambiente e diceva: 'Bene, sedetevi sui pouf orientali'. Il diffusore emanava un profumo di brezza marina. Ora che siamo tutti rilassati al punto giusto, andiamo avanti e parliamo seriamente".

L'energia collaborativa andava e veniva in entrambi i modi, con idee ecologiche ispirate da altri team. Iniziavamo a vedere i classici modelli Nike, come Air Force 1, con l'intersuola in schiuma Crater, oppure il modello Jordan 1 High con tomaia in tela e tecnologia Space Waste.

Tuttavia, l'effetto alone non può restare fermo in Nike. Zormeir intravede l'opportunità che danno i prodotti per avviare conversazioni positive. "Quando qualcuno guarda le tue sneakers e ti chiede: 'Oh, cosa sono?', quello è un modo per iniziare a parlare alle persone di sostenibilità come non si sarebbero potuto fare prima", spiega Zormeir.

Toelle concorda: "Nell'innovazione, molte volte l'obiettivo non è solo quello di progettare una scarpa straordinaria. È raccontare una storia e ispirare le persone, e la scarpa è uno strumento per farlo".

Testo: Emily Jensen e Seth Walker
Fotografia: Holly Andres
Illustrazioni: Brian Rea

Report: ottobre 2020

Storie correlate

Toccare con mano: come creare bio-materiali

Innovazione

Come creare materiali di origine naturale. E cambiare il futuro a partire dalla tua cucina.

Come pulire le scarpe da running e avere un impatto più leggero sul pianeta

Innovazione

Come pulire le scarpe da running e avere un impatto minore sul pianeta

12 modi per far durare più a lungo le scarpe da running

Innovazione

Chilometraggio massimo: 12 soluzioni semplici per prolungare la durata delle tue scarpe da running

Consigli per l'allenamento a casa

Innovazione

Lavorare e allenarsi a casa: come il fitness in tempi di pandemia sta plasmando il nostro futuro

Toccare con mano: come tenere un diario dei colori

Innovazione

Come tenere un diario dei colori e vedere il mondo con occhi diversi