Magia in campo: una calciatrice fuori dall'ordinario nel club più creativo di Parigi

Atleti*

Florine Kouessan si impegna a far crescere una squadra, il Witch FC, che rispecchi il mondo in cui vive.

Ultimo aggiornamento: [data]
Lettura di 4 min
La calciatrice francese Florine Kouessan e il suo club, Witch FC

"Istantanee" è una serie che rende omaggio agli atleti non professionisti di tutto il mondo. 

Ogni squadra di calcio ha bisogno di giocatori estrosi e nel Witch FC ce ne sono in abbondanza. Questo club parigino è composto interamente da artiste e creative, un mix di giocatrici navigate e principianti.

Incontriamo una delle giocatrici di punta del Witch FC, la scrittrice e creativa Florine Kouessan, al campo di Saint-Paul, a Parigi. Il campo si trova proprio di fronte alla chiesa di Saint-Paul-Saint-Louis, costruita dai gesuiti nel XVII secolo nel cuore del Marais. Florine ci racconta della sua passione per il calcio e di come ha trovato il proprio posto in una squadra incredibile di artiste divenute calciatrici.

Come hai iniziato a interessarti al calcio?

I miei genitori sono originari del Togo, ma io sono nata a Parigi. Ho due fratelli più piccoli, ma la differenza di età è minima e siamo piuttosto uniti. Da piccoli giocavamo sempre insieme e con gli altri bambini del nostro palazzo. A quell'età basta una palla per iniziare a giocare, non serve altro. Non c'erano altre bambine con cui passare il tempo, quindi è naturale che mi ritrovassi regolarmente a giocare a calcio o a basket ai piedi della torre, insieme ai miei fratelli e agli altri ragazzini che vivevano nel nostro stesso edificio.

La calciatrice francese Florine Kouessan e il suo club, Witch FC

In che modo il calcio femminile si sta sviluppando in Francia?

Quando ero più giovane, il calcio era senza dubbio considerato uno sport riservato ai maschi. A volte i miei fratelli, quando volevano farmi sentire esclusa, mi prendevano in giro dicendo che volevano giocare solo con altri maschi. Ma con il passare degli anni, ho notato che le donne stanno reclamando il proprio spazio. Dalle serie professionistiche, che sono sempre più seguite, alla Coppa del Mondo femminile disputata in Francia la scorsa estate, fino ai media, che puntano sempre più i riflettori sulle donne. Il calcio femminile, prima sottovalutato, è diventato una realtà consolidata. Ora non è più così strano vederlo in TV o sulle riviste.

Negli ultimi due o tre anni, ho visto cose che non avrei mai immaginato prima. Vengono lanciati spot pubblicitari per il calcio femminile e sono considerati del tutto normali. Sono felice di aver assistito a questa evoluzione, perché mi ha motivato a guardarmi intorno e a cercare una squadra femminile in cui giocare regolarmente. Anche se ho sempre amato il calcio, non avrei mai immaginato di entrare a far parte di una squadra.

La calciatrice francese Florine Kouessan e il suo club, Witch FC

Parlaci del Witch FC.

Il Witch FC è un gruppo di donne che amano gli sport, giocano con passione e desiderano portare in squadra il proprio modo di sentire. La passione per il calcio ci unisce, ma il team è senza dubbio un modo per acquisire sicurezza a livello personale. Tutte volevamo che il nome della squadra fosse d'impatto e le streghe sono icone del femminismo per eccellenza. Le streghe possono essere anche belle e brave. Come per le squadre di roller derby, volevamo inoltre un nome che ci rappresentasse tutte e non menzionasse alcuna località specifica.

Qual è il tuo contributo alla squadra?

Mi esprimo al meglio a centrocampo o in difesa. Mi piace correre e sentire i battiti che aumentano. Mi piace riuscire a coprire tutto il campo e cambiare le sorti di una partita, in attacco o in difesa. Giocare a centrocampo mi permette di muovermi liberamente, prendere parte alle azioni e persino cercare la via del gol, se mi sento abbastanza carica. Le mie compagne di squadra dicono che ho energia da vendere e do sempre il massimo. Non chiedo altro quando sono in campo. Voglio solo che per le ragazze sia chiaro che partecipo al gioco con tutta me stessa e mi diverto.

"Mi piace riuscire a coprire tutto il campo e cambiare le sorti di una partita, in attacco o in difesa."

La calciatrice francese Florine Kouessan e il suo club, Witch FC

Com'è giocare con persone che condividono la tua stessa mentalità?

Ora che il legame tra noi è più forte, facciamo ognuna il tifo per l'altra, nel lavoro e in campo. Ad esempio, una di noi ha scritto il libro che aveva sempre voluto scrivere, un'altra dipinge di più, io stessa ho iniziato a frequentare lezioni di teatro con una compagna di squadra. Sono piccoli esempi di come la solidarietà femminile può aiutarci a trasformare i nostri sogni in realtà. Avere delle amiche che ti sostengono incondizionatamente ti dà una sicurezza incredibile.

Testo: Massaër Ndiaye
Foto: Manuel Obadia-Wills

Report: ottobre 2020

Storie correlate

Il calciatore di Città del Messico Alan Landeros perfeziona le sue capacità

Atleti*

L'arte della prestazione: come un calciatore di Città del Messico perfeziona le sue abilità

Ti presentiamo Lamine Conté: il nuovo regista dello streetball parigino

Atleti*

Un filmmaker in campo: lo streetball a Parigi

Istantanee: inseguendo l'adrenalina con Leonora Manzano

Atleti*

In cerca di adrenalina: Leonora Manzano viveva di emozioni forti, finché non ha scoperto il...

La rugbista messicana Maria Prujin supera ogni aspettativa

Atleti*

Abbattere gli stereotipi: una rugbista messicana sfida le aspettative 

Istantanee: dominare la pallamano con i gemelli Garate

Atleti*

Wonder Twins: vieni a conoscere le gemelle della pallamano di New York