Le radici della sua famiglia hanno spinto Amira a ridefinire il suo futuro

    Cultura

    In che modo l'atleta e modella di 23 anni ha conseguito la sua istruzione e realizzato il sogno delle grandi città per diventare laureata di prima generazione.

    Ultimo aggiornamento: [data]
    Lettura di 6 min

    "I am First" è una serie dedicata agli atleti e alle atlete che aprono nuovi orizzonti nello sport e nella vita.

    "Quando mi chiedono da dove vengo, rispondo: 'Dal bel mezzo del nulla'". Nello specifico, Amira Natanne parla, e in parte si prende gioco, di Lutcher, in Louisiana, una piccola città industriale situata tra New Orleans e Baton Rouge. "Per arrivarci, devi uscire dall'autostrada", spiega la modella di 23 anni nonché neo laureata, e presegue: "Ci sono buone probabilità di conoscere tutti o di essere imparentati con chiunque".

    Sarà anche una piccola città, ma Lutcher costituisce il fondamento della determinazione di Amira a cercare un mondo più grande. È una laureata di prima generazione. La sua laurea e la vita a New York fanno parte di un sogno che si è realizzato lasciando Lutcher per conseguire un'istruzione universitaria in bioetica e trovare, ora, altre opportunità di carriera. Seduta nel suo appartamento, a 2.400 km di distanza nel quartiere di Bushwick, a Brooklyn, ripensa alla strada percorsa per arrivare fino a lì.

    Le radici della sua famiglia hanno spinto l'atleta e modella Amira Natanne a inseguire i suoi sogni
    Le radici della sua famiglia hanno spinto l'atleta e modella Amira Natanne a inseguire i suoi sogni

    Le origini di Amira sono radicate in profondità a Lutcher. Il suo bisnonno fondò e gestì il primo e, per un certo periodo, unico servizio paramedico in quella parte della contea. Crescendo, chi veniva a sapere il suo cognome spesso si metteva a raccontare storie su come il suo bisnonno avesse salvato la vita di un parente. "Ci troviamo a 45 minuti di distanza da qualsiasi città, per cui la mia famiglia si occupava di tutta la zona", spiega Amira.

    La sua famiglia allargata è stata fondamentale per plasmare la sua educazione. "Al tempo, venivi cresciuto da chiunque si trovasse in casa", ricorda Amira. E chi si trovava in casa l'ha sempre spinta a creare e stabilire il suo percorso personale. "Non mi hanno mai detto: 'Sei una ragazza. Non puoi farlo'", dice Amira, e prosegue: "Dicevano: 'Sarà meglio che tu ti metta in fila e faccia tutto il possibile per badare a te stessa. Non permettere che le opinioni della gente influiscano sul risultato finale'".

    "Non mi hanno mai detto: 'Sei una ragazza. Non puoi farlo'. Dicevano: 'Sarà meglio che tu ti metta in fila e faccia tutto il possibile per badare a te stessa.'"

    Le radici della sua famiglia hanno spinto l'atleta e modella Amira Natanne a inseguire i suoi sogni

    Così, Amira decise che si sarebbe messa in fila per ottenere molto di più. "Sapevo di non voler vivere [a Lutcher] in modo permanente", dice concludendo: "È uno di quei posti in cui vai a scuola, sposi il tuo primo ragazzo delle superiori, andate a vivere insieme, fate figli, lui lavora in fabbrica e a 22 anni comprate una casa."

    Le radici della sua famiglia hanno spinto l'atleta e modella Amira Natanne a inseguire i suoi sogni
    Le radici della sua famiglia hanno spinto l'atleta e modella Amira Natanne a inseguire i suoi sogni

    Amira, invece, puntava a New York e all'università. Per quattro anni si è data da fare più che poteva, dedicandosi a quasi tutte le attività extracurricolari che la Lutcher High School aveva da offrire, tra cui il club del fucile, il salto con l'asta, numerose associazioni studentesche per studenti meritevoli e la squadra di sollevamento pesi. "Mi piaceva fare sollevamento pesi", ricorda Amira, e continua: "Mi piaceva molto. Non ero brava, ma la squadra era davvero fantastica. Ha vinto per 10 volte i campionati nazionali. C'erano alcuni grandi campioni. Io non ero una di loro, ma ho contribuito come potevo".

    Dopo aver inviato decine di domande universitarie e
    aver ricevuto una lettera di accettazione dalla New York University nel 2015, Amira ha preso un volo dalla Louisiana a NYC per iniziare un nuovo capitolo, insieme ad altri compagni di classe.

    "Molte persone che ho incontrato erano di prima generazione", afferma Amira, "il che era confortante e ha reso tutto un po' più semplice".

    Le radici della sua famiglia hanno spinto l'atleta e modella Amira Natanne a inseguire i suoi sogni

    Lasciare Lutcher le ha aperto la strada a nuove opportunità. Ad esempio, ha firmato un contratto con un'agenzia per modelli ed è apparsa sulle passerelle della New York Fashion Week e in una serie di campagne pubblicitarie. Il trasferimento ha anche risvegliato in Amira il suo desiderio iniziale di vedere il mondo. "Mi ha fatto capire che sono in grado di fare qualunque cosa", afferma Amira, e continua: "Ho imparato che sono indipendente, scaltra e carismatica quando è necessario, e decisa quando devo esserlo". Infatti, ha già compiuto tranquillamente dei viaggi da sola in destinazioni remote come Indonesia, Messico e Regno Unito.

    Le radici della sua famiglia hanno spinto l'atleta e modella Amira Natanne a inseguire i suoi sogni

    Ora, Amira sta cercando di capire quali saranno le sue prossime mosse e come riuscire a essere intenzionale sulla sua vita, compreso il suo rapporto con lo sport. Anche se a volte le manca far parte di squadre sportive organizzate, la sua routine di attività fisica la aiuta a mantenersi equilibrata. Fa un po' di sollevamento pesi a casa, lunghe passeggiate e sta per iniziare una sfida di yoga di 30 giorni. E, nonostante la sua impazienza autoproclamata, sta cercando di includere la meditazione.

    Ispirata dal bisnonno, grazie ai corsi universitari ha esplorato la medicina interna e il suo impatto sui corpi emarginati nell'intersezione tra sesso e razza. È determinata a invertire gli alti tassi di mortalità delle donne nere durante il parto e ha pensato di sfruttare questa energia per diventare una doula certificata e supportare le madri prima, durante e dopo il parto. È un campo importante che la riguarda anche da vicino. "Mia madre ha avuto cinque figli e quattro tagli cesarei", spiega Amira.

    Il trasferimento a New York dà credito alla sua curiosità e inflessibilità nel porsi delle domande e il suo impegno a fare qualcosa in merito alla questione è facilmente rintracciabile. Lo ha preso dalla sua famiglia. "Da loro, ho imparato a prendermi cura della comunità", afferma Amira, e conclude: "La mia famiglia si è presa cura della comunità".

    Le radici della sua famiglia hanno spinto l'atleta e modella Amira Natanne a inseguire i suoi sogni

    Testo: Lakin Starling
    Fotografie: Courtney Sofiah Yates
    Video: Sara McDowell, Amira Natanne

    Report: settembre 2020

    Data di pubblicazione originale: 24 maggio 2021

    Storie correlate

    Come distruggere i blocchi mentali

    Coaching

    Supera qualsiasi blocco mentale

    Fabian Domenech, insegnante di yoga Nike, ci spiega quanto sia importante essere se stessi

    Coaching

    Podcast Trained: Trova l'autenticità con Fabian Domenech

    Come creare e interrompere abitudini con James Clear

    Coaching

    Podcast Trained: Piccole abitudini per grandi cambiamenti, con James Clear

    In che modo la Nike Trainer Maria Wada trova la felicità grazie al movimento

    Coaching

    Podcast Trained: Reinventati con Maria Wada

    Il look di Nike FC: Nicole

    Cultura

    Il look di Nike FC: Nicole