Consegna gratuita

Consegna standard gratis su ogni ordine con NikePlus. Scopri di più

Ekin Bernay

All For 1

Guarire attraverso il movimento

Ekin Bernay è una danzaterapeuta e artista turca. Divenuta un'atleta Nike a soli 18 anni, Ekin si è esibita in tutto il mondo e ha intrapreso un viaggio alla scoperta di se stessa attraverso il movimento. Oggi condivide l'intrinseco potere curativo della danza con coloro che la circondano e quelli che ne hanno più bisogno.

Ekin Bernay ha iniziato a ballare all'età di nove anni, prendendo lezioni di danza classica e jazz nella sua città natale, Ankara. "Fin dal primo anno di lezioni, sognavo di diventare una ballerina famosa", dice. "Credo che la gente abbia cominciato a pensare che avessi talento quando mi sono esibita per la prima volta da solista in un musical l'anno successivo. Mi resi conto che mi muovevo diversamente dagli altri e mi sono sentita davvero invincibile".

Appena otto anni dopo, il sogno di bambina di Ekin inizia a concretizzarsi. Insieme ad altre quattro giovani donne provenienti da tutto il mondo, vince il concorso Dance to LA di Nike. "È stato magico", ricorda Ekin. "Mi ha fatto capire che potevo raccontare la mia storia a tutto il mondo". E non finisce qui: la vittoria al concorso non è stato l'unico riconoscimento da aggiungere al suo curriculum. A soli 18 anni, infatti, Ekin diventa un'atleta Nike.

L'energia di Ekin si sprigionava con forza attraverso le sue esibizioni in tutto il mondo. Ma per lei la danza era sempre qualcosa di più che una semplice performance artistica: era un'esigenza, qualcosa riguardava la scoperta di sé e la guarigione. Ed è così che è iniziato il suo viaggio verso una carriera nel campo della danzaterapia. "Ho trascorso un periodo in cui non danzavo e non riuscivo a esprimermi come volevo. Direi che all'epoca ero depressa", afferma. "Sapevo che volevo fare qualcosa che potesse essere d'aiuto per me stessa e per gli altri ed esibirmi come artista non mi bastava più ormai".

È stato allora che Ekin ha cambiato strada. Oggi è una danzaterapeuta qualificata che lavora tra Istanbul e Londra. In ambito clinico, si occupa di salute mentale in età adulta: organizza sessioni settimanali di terapia di gruppo presso case di cura per adulti con problemi di salute menatale gravi e permanenti. Durante le sue sedute, naturalmente, si fa molto movimento, quasi sempre con la musica. Inoltre, c'è molta condivisione, comunicazione ed empatia.

"Sapevo che volevo fare qualcosa che potesse essere d'aiuto per me stessa e per gli altri ed esibirmi come artista non mi bastava più ormai."

Ekin Bernay

Insegnante di danza

Ekin ha anche lavorato con i bambini rifugiati in tutta la Turchia, organizzando workshop con International Medical Corps a Istanbul, Sakarya e Smirne. "È molto utile da vari punti di vista", afferma Ekin. "Fornisce informazioni preziose sullo stato fisico, emotivo e psicologico delle persone, nonché sulle loro esigenze in quel momento".

Ekin ha notato che uno dei principali vantaggi delle sue sedute è la creazione di legami. "Ci sono molti momenti di accettazione, sostegno e dimostrazione di vulnerabilità all'interno del lavoro di gruppo. Stare con altre persone, per di più in una società in cui è così facile essere isolati, e vivere certe esperienze con gli altri ha un'importanza enorme".

Di conseguenza, è naturale che Ekin consideri la danza e il movimento come forze unificanti che colmano le diversità, anche in termini di relazioni personali. Ekin balla sempre con i suoi amici e le persone creative con cui vive: loro sono il nucleo del suo gruppo artistico e danzare insieme li avvicina. "Quando siamo corpi in movimento, ci comprendiamo, condividiamo e rispettiamo gli spazi, muovendoci insieme a un ritmo che ci influenza in modi simili: quei momenti sono davvero magici", spiega.

Oltre al lavoro in ambito clinico, si occupa di progetti personali, sia per scopi commerciali come coreografa o consulente, che in modo autonomo organizzando workshop o esibendosi come artista. Ekin specifica che anche il lavoro commerciale ha delle qualità terapeutiche, ma considera la sua arte performativa in particolare come uno strumento personale per elaborare la propria vita e crearsi un equilibrio. "Questa è la mia terapia", afferma. "È ciò che mi fa stare bene".

Quando le viene chiesto cosa spera per il futuro, la visione di Ekin è generosa, profetica e positiva come lei. "Spero che in futuro sempre più persone riescano a esprimere se stesse, e che nel mondo ci siano più gentilezza e solidarietà", afferma entusiasta. "L'amore rivoluzionerà ogni cosa. Solo se ci sarà più amore le cose potranno cambiare".

Preparati a mostrare i tuoi passi di danza. Iscriviti qui sotto per unirti ai workshop con Ekin e ad altri eventi per la comunità in città.