Coaching

Supera qualsiasi blocco mentale

Affronta di petto qualsiasi cosa ti faccia perdere la calma nei momenti che contano.

Come distruggere i blocchi mentali

Un forte senso di spavento che ti blocca di colpo quando stai per scendere lungo una pista da sci ghiacciata con un amico più esperto. Pensare di non essere assolutamente in grado di fare una presentazione anche se l'hai provata e riprovata. Rimanere in silenzio durante una chiamata con il tuo nuovo team perché non sai se meriti di essere lì.

La paura, la perdita di fiducia e la sensazione di non essere all'altezza possono impedirti di dare il meglio, o addirittura di agire. Regine Muradian, PsyD, psicologa clinica specializzata in ansia da prestazione, spiega che spesso questi blocchi mentali derivano da adrenalina e cortisolo, ormoni che inondano il corpo in situazioni pericolose o di alta pressione. Questi ormoni possono innescare nell'organismo la risposta di attacco o fuga. Il risultato è una varietà di sintomi fisici (battito cardiaco accelerato, senso di costrizione al petto e/o palmi delle mani sudati) e la sensazione di essere completamente paralizzati, spesso chiamata "choking".

Potresti pensare di essere l'unica persona in difficoltà in momenti del genere, ma sappi che non è così. "Crollare sotto pressione è più comune di quanto si pensi. Anche ai professionisti capita di avere episodi di choking", afferma Greg Chertok, consulente accreditato di mental performance che ha lavorato con atleti in gare di alto profilo, tra cui le Olimpiadi, il Super Bowl e la Stanley Cup. Pensa a quante grandi partite hanno perso le varie squadre a causa di un goal sbagliato o di un field goal.

"Crollare sotto pressione è più comune di quanti si pensi. Anche ai professionisti capita di avere episodi di choking."

Greg Chertok
Consulente accreditato di mental performance

Ancora meglio che essere in buona compagnia sono queste semplici tecniche che puoi utilizzare per liberare il cervello, in modo da poter affrontare qualsiasi cosa ti ritrovi davanti. Ecco tre comuni blocchi mentali che possono causare il choking e l'opinione degli esperti su come superarlo.

01. Paura

Cosa si prova: un profondo timore di venire feriti, a livello fisico o emotivo. Potrebbe essere accompagnato da tremore, sudorazione, groppo in gola o formicolio.

Perché accade: la paura può colpire quando la mente si allontana dal momento presente, spiega Chertok. "Potresti iniziare a pensare a un'occasione passata in cui hai commesso un errore, come la volta in cui hai sbagliato un tiro fondamentale o una risposta durante un importante colloquio di lavoro", aggiunge Chertok. Improvvisamente, quel momento compromette il tuo ottimismo.

Anche focalizzarsi sull'ignoto può spaventare, sottolinea Chertok. È facile preoccuparsi di quale potrebbe essere lo scenario peggiore possibile in caso di fallimento.

Come gestirla: inizia con una semplice respirazione profonda. Secondo la ricerca, questa è in grado di ridurre immediatamente gli ormoni dello stress, aumentando allo stesso tempo la sensazione di controllo emotivo e benessere. Muradian consiglia di inspirare lentamente per cinque secondi, trattenere il respiro per un momento, ed espirare lentamente per cinque secondi, ripetendo il ciclo almeno tre volte. "Con ogni esalazione, ripetiti che stai buttando fuori tutti i pensieri negativi", afferma Muradian.

Allo stesso tempo, accetta le tue emozioni invece di farne un dramma. Può essere difficile cancellare completamente le tue paure quando stai scalando un crinale poco sicuro per arrivare in cima. Chertok afferma che puoi evitare di perdere il controllo e consiglia di amplificare i dettagli positivi, e di ridurre al minimo quelli negativi. Ad esempio, concentrati su tutte le scalate che hai portato a termine con successo in passato invece di pensare a quella volta in cui non è andata bene. Ultimo trucco: divertiti con la tua paura. Quando preoccupazioni irrazionali iniziano a farsi sentire, tipo "E se mi rompo una gamba?", prova a dar loro una voce buffa. "Sentire i dialoghi interiori borbottati, ad esempio, da Taddeo o Daffy Duck può alleggerire un po' la prospettiva dei tuoi pensieri", spiega Chertok.

Come distruggere i blocchi mentali

02. Improvvisa perdita di sicurezza

Cosa si prova:
sensazione di non farcela, anche se hai fatto milioni di prove.

Perché accade: secondo Muradian, i migliori atleti e le persone di successo tendono a visualizzare determinati risultati quando lavorano sodo per prepararsi per un momento importante. Ma questo può facilmente portare a pensare troppo a una situazione e cercare di controllarne ogni minimo dettaglio, aggiunge Muradian.

E quando hai provato qualcosa così tante volte che tale abilità risulta automatica, concentrarsi troppo può fare più danni che altro. "Quando controllare lo scatto del polso in un tiro libero o il follow-through sul campo diventa un'ossessione, i meccanismi automatici del cervello si interrompono e l'azione può sembrare estranea tanto da non poter essere eseguita", afferma Chertok.

Come gestirla: "Innanzitutto, ricordati che hai le abilità necessarie per farcela", afferma Muradian. Per un'urgente iniezione di sicurezza, ripensa a un momento in cui hai superato una sfida. Quindi, indirizza l'attenzione verso l'esterno anziché sull'azione che stai cercando di controllare. "Concentrati attivamente su oggetti esterni come bersagli, avversari o sulla palla, invece che sul processo di riflessione che diventa paralizzante", afferma Chertok. Può essere una cosa semplice come focalizzare l'attenzione su un compagno di squadra invece che sui meccanismi del passaggio, o immaginare di parlare con una persona specifica del pubblico piuttosto che cercare di ricordare il tuo discorso parola per parola.


03. Sindrome dell'impostore

Cosa si prova:
idea di essere giunti a un certo risultato, una finale, l'ultima fase di un colloquio o una cerimonia di premiazione (virtuale), perché hai avuto fortuna e non per le tue capacità o il tuo talento.

Perché accade: a volte la sindrome dell'impostore non è altro che bassa autostima. "Spesso si verifica quando qualcuno non si fida delle proprie capacità o sente che nulla di ciò che fa sarà mai sufficiente", afferma Muradian. Può verificarsi anche quando ci si preoccupa troppo della propria immagine. "Può darsi che ti interessi di più non apparire sotto una luce negativa che vincere", dice Chertok, quindi quando vinci, ti senti a disagio.

Come gestirla: quando noti che il tuo cervello viene inghiottito dalla paura di essere una frode, combatti. "È importante mettere a tacere i pensieri negativi, in quanto sono loro i veri impostori", afferma Muradian. E aggiunge che un modo efficace per bloccare la negatività è pensare ai migliori complimenti che hai ricevuto in merito alle tue abilità o alle tue performance passate. Fidati del fatto che le persone di cui ti fidi abbiano valutato correttamente le tue capacità.


E soprattutto, ricorda che il choking è parte della natura umana. "La verità è che nessuno sa cosa sta facendo", dice Chertok. E, tenendo presente questo aspetto, "siamo in grado di andare avanti e comprendere che la nostra esperienza è normale, nonché di prestare maggiore attenzione all'attività che abbiamo di fronte".

Beccati questo, pista nera.

Testo: Marygrace Taylor
Illustrazioni: Kezia Gabriella

Come distruggere i blocchi mentali

Vai oltre

Per ulteriori consigli degli esperti sul recupero, oltre che su mentalità, allenamento, alimentazione e sonno, consulta l'app Nike Training Club.

Vai oltre

Per ulteriori consigli degli esperti sul recupero, oltre che su mentalità, allenamento, alimentazione e sonno, consulta l'app Nike Training Club.

Storie correlate

Vederlo per crederci

Coaching

Visualizza i tuoi obiettivi per renderli reali

Vuoi rilassare la mente? Mantieni il corpo attivo

Coaching

Vuoi rilassare la mente? Mantieni attivo il corpo.

Come sviluppare fiducia in se stessi

Coaching

Sempre tu, ma ancora più incredibile

Tre cambi di mentalità per superare un periodo di stallo

Coaching

3 espedienti mentali per superare i momenti di stallo

Scopri i trucchi per cucinare piatti salutari in modo semplice e divertente

Coaching

La guida per ritrovare l'entusiasmo in cucina