Una domanda che cambierà la tua alimentazione

Coaching
Ultimo aggiornamento: [data]

Di Nike Training

Una domanda che cambierà la tua alimentazione

Prendersi un momento per ripensare a ciò che mangi, e perché, può avere un impatto immediato sulla tua dieta.

Perché hai mangiato oggi?

Sappiamo che può sembrare una domanda strana. E probabilmente c'è anche una risposta ovvia: Uhm, perché avevo fame?

Ma è davvero così? Ripensa alla tua giornata, anche agli ultimi due giorni, e a ogni volta che hai consumato uno spuntino o un pasto. L'hai fatto perché avevi davvero fame? Saresti in ottima compagnia se rispondessi di no.

Buona parte della nostra dieta quotidiana avviene in automatico. Mangiamo perché è ora di pranzo. Mangiamo perché il nostro partner ha acquistato degli snack. Mangiamo perché ora è il momento in cui abbiamo il tempo di mangiare, oppure perché abbiamo avuto una riunione di lavoro difficile o abbiamo litigato con il partner o perché stiamo guardando le e-mail e i social e non ci rendiamo neanche conto che stiamo mangiando.

Questo rimpinzarsi in modo meccanico getta le basi per una domanda molto semplice: "Perché sto mangiando questa cosa?" Questa domanda è cruciale per la strategia di alimentazione sana messa a punto dagli esperti di nutrizione Brian St. Pierre e Krista Scott-Dixon. Entrambi lavorano per Precision Nutrition, un'azienda che fornisce allenamenti e consigli agli atleti d'élite e non solo. Entrambi sostengono questo approccio pratico e basato su domande per interrompere gli schemi di alimentazione non corretta e dare alle persone la possibilità di fare le scelte nutrizionali migliori.

"Esaminare il 'perché' ti consente di scoprire il principale colpevole di una dieta sbagliata: l'alimentazione emotiva."

Nike Training

Esaminare il "perché" ti consente di scoprire il principale colpevole di una dieta sbagliata: l'alimentazione emotiva. Scopri se stai mangiando a causa dello stress, della noia, per placare i sensi di colpa, suggerisce St. Pierre, che è anche un dietologo. Cita l'esempio di clienti che gli raccontano che, il venerdì sera, divorano una pizza intera accompagnata da quattro bicchieri di vino, da soli a casa. "Non sto giudicando nessuno, ma c'è un motivo se questo accade", afferma. "Se non ti chiedi perché, allora sapere semplicemente cosa mangiare non risolve il problema".

Quando pensi al motivo per cui mangi, ti verranno in mente queste risposte: per lo stress. Perché ho fretta. Per la stanchezza. Ho molta fame! Il tuo obiettivo è apportare piccoli cambiamenti positivi in risposta a questi motivi. Pensa a ciascuno di essi come a un passo avanti verso un'alimentazione più sana, afferma Scott-Dixon, Director of Curriculum per Precision Nutrition, e nutrizionista con oltre 20 anni di esperienza. Il piccolo cambiamento che ha funzionato per lei: respirare durante il pasto. "Questa semplice azione mi mette in una posizione di controllo", afferma. "Non riempio la bocca in modo meccanico o affrettato, invece, sto prendendo la decisione di mangiare".

Una domanda che cambierà la tua alimentazione

"Puoi continuare a mangiare se lo desideri; il cibo è sempre a tua disposizione. Ma per scoprire se lo desideri davvero, fai una pausa."

Nike Training

Questo è ciò che il team di Precision Nutrition chiama "l'arte della pausa". Un momento di cinque secondi che attiva l'interruttore nel tuo cervello affinché questo sia presente e si sintonizzi sui segnali di fame del tuo corpo, per aiutarti a smettere di mangiare quando non hai ancora raggiunto la piena sazietà. La parola "pausa" è fondamentale. "Non stiamo dicendo di fermarti", afferma Scott-Dixon. "Puoi continuare a mangiare se lo desideri; il cibo è sempre a tua disposizione. Ma per scoprire se lo desideri davvero, fai una pausa".

Se sembra troppo semplicistico, provaci. Siediti a tavola senza TV, telefono o giornale. Mangia un boccone, metti giù la forchetta, fai una pausa: pensa al perché stai mangiando. "È davvero impegnativo!" afferma Scott-Dixon. "Ma cambia completamente l'esperienza delle persone con il cibo".

Gli atleti d'élite utilizzano uno schema simile, dice St. Pierre. Guarda un giocatore di baseball uscire dalla zona di battuta, fare un respiro profondo e raccogliersi in se stesso. Guarda un calciatore inspirare profondamente subito prima di tirare un rigore. "Gli atleti fanno questo genere di cose in modo intuitivo per agire lentamente, non avere fretta e non commettere errori automatici", afferma. "Non meditano per 10 minuti: fanno un respiro e via, ripartono". Questa stessa idea si applica quando mangi.

Puoi anche fare una pausa nel mezzo di quella che reputi una cavolata, suggerisce Scott-Dixon. Immaginiamo che stai mangiando delle patatine fritte per lo stress, ma poi ti ricordi di fare una pausa e respirare. Ti rendi conto di non avere nemmeno fame. Che non vuoi davvero mangiare quelle patatine. "Non vederla come una tragedia", afferma Scott-Dixon. "Al contrario, pensa di averlo capito in tempo. Festeggia questo momento e conserva la consapevolezza per la prossima volta che lo stress ti farà venir voglia di mangiare"-

"Fare queste scelte consapevoli funziona, a volte soprattutto quando si ha fame."

Nike Training

Fare queste scelte consapevoli funziona, a volte soprattutto quando si ha fame. Scott-Dixon indaga a fondo, chiedendosi: "Cosa penso che questo cibo farà per me? Quali sensazioni penso che avrò dopo aver mangiato questo?" Oppure: "In che modo mangiare questa cosa mi aiuterà ad alleviare quello che sto provando? Che sia stress, frustrazione, rabbia". Queste domande sono particolarmente utili, aggiunge, perché spesso le risposte sono davvero immediate: le persone si rendono conto che il vero motivo per cui mangiano una pizza il venerdì sera è perché hanno bisogno di sollievo, di una pausa o di una distrazione.

Ed è qui che il metodo della domanda si dimostra davvero efficace. Chiederci mentalmente perché interrompe gli schemi di alimentazione meccanica e ci dà la possibilità di riconoscere per cosa stiamo effettivamente utilizzando il cibo. Decideremo comunque di fare il bis di dolce o di una bibita? "Almeno ora stai facendo una scelta consapevole", afferma St. Pierre. "E, molto spesso, pensare in modo consapevole a ciò che mangi e bevi ti impedirà di esagerare".

Fanne un'abitudine: per evitare di mangiare meccanicamente, fai una pausa di cinque secondi a metà pasto. Fissa questo nuovo comportamento a un'abitudine che già hai, come ad esempio bere un sorso d'acqua. Quindi, quando sorseggi l'acqua, ricorda: fai una pausa. Ricordati di farti i complimenti ogni volta che metti in pratica la nuova abitudine: ti aiuterà a consolidarla ancora di più.

Una domanda che cambierà la tua alimentazione

Iscriviti a Nike Training Club

Accedi ai consigli dei nostri migliori esperti e allenatori per rimanere in attività e in salute.

Una domanda che cambierà la tua alimentazione

Iscriviti a Nike Training Club

Accedi ai consigli dei nostri migliori esperti e allenatori per rimanere in attività e in salute.

Storie correlate

Mi rejlik a Precision Nutrition „piros-sárga-zöld” élelmiszerrendszere mögött? A kulcs a jó megjelenéshez és közérzethez!

Coaching

Cosa mangiare per sentirsi al meglio

Cosa mangiare per prestazioni atletiche al top

Coaching

I fondamentali: cosa mangiare per prestazioni eccezionali

Il tuo ambiente influisce su cosa mangi

Coaching

In che modo l'ambiente influisce sulla tua dieta

Ricetta facile per un frullato di mango salutare

Coaching

Frullato di mango

Smoothie rigenerante all'anguria

Coaching

Smoothie all'anguria per il recupero