Salta al contenuto. (Premi Invio)

Abbiamo esteso il periodo di reso a 60 giorni. Scopri di più

Earl Jenkins

Risollevare Toxteth

A Toxteth, in passato una delle zone più difficili di Liverpool, una generazione di giovani calciatori sta rivoluzionando i programmi della comunità locale dentro e fuori dal campo con l'aiuto di una leggenda locale.

Fai una passeggiata lungo Lodge Lane o Granby Street in compagnia di Earl Jenkins e ti fermeranno a ogni angolo. "Sì Earl", dicono sorridendo i cittadini giovani e meno giovani di Liverpool, a testimonianza dell'incredibile effetto che Earl e le iniziative che sostiene hanno avuto sulla zona. Se ti capita di incontrare uno dei giocatori del momento o del passato, Earl ti dirà che si tratta del portiere, del centrale difensivo o dell'attaccante migliore che abbia mai visto.

Earl è stato il cuore della comunità di Toxteth negli ultimi vent'anni. Presidente del Kingsley United, la squadra di calcio più variegata di Liverpool, Learning Mentor presso la Calderstones School e collaboratore giovanile dello Unity Youth Centre e del Granby Toxteth Youth Forum.

La sua squadra di calcio è un ottimo esempio di come lo sport possa aiutare i bambini di una comunità, consentendo loro di migliorare la propria vita nel processo.

Ecco perché la storia di Earl è così interessante e importante. Perché non è affatto la sua storia.

Earl Jenkins

Un punto di riferimento della comunità

Grazie al duro lavoro di Earl si è forgiata una comunità, e un'area che ha sofferto per decenni ora conosce la speranza. E tutto ciò è iniziato con il calcio, uno sport che non è stato nemmeno il primo amore di Earl.

"Il calcio nemmeno faceva per me", afferma sorridendo. "Sono entrato in questo mondo solo per aiutare i bambini. Tutto ha avuto inizio quando ho cominciato a collaborare con la Stanley House, una squadra locale fondata dall'ex giocatore del Liverpool Howard Gayle. Un po' di tempo dopo, mentre partecipavo al Granby Toxteth Youth Forum, con il Tiber FC, che era il nome del club all'epoca, avevamo bisogno di un posto al chiuso in cui allenare i ragazzi durante l'inverno. Ecco come è iniziata la mia collaborazione con lo Unity Youth Centre".

"C'era stata una sparatoria lì alcune settimane prima e non erano sicuri di portare avanti il progetto del centro, ma mi hanno detto che stavano organizzando il consiglio di amministrazione, quindi ho risposto: "Ok, voglio farne parte". Dopo essere entrato nel consiglio, sono diventato anche il presidente dello Unity".

Da qui, Earl ha intrapreso una carriera che lo ha portato a dedicare gran parte del suo tempo ad aiutare le persone della sua comunità. Nonostante abbia una famiglia numerosa, Earl ha sempre cercato di condividere il suo senso di responsabilità e del dovere con le persone che lo circondano. Pur non avendo scelto intenzionalmente questa carriera, Earl si è sempre dimostrato presente quando gli altri se ne disinteressavano.

Earl Jenkins

Molto più di una squadra

Ecco come Earl e il Kingsley United sono diventati parte integrante della cultura calcistica e giovanile di Toxteth. Earl è un orgoglioso abitante di Liverpool ed è pervaso dallo spirito cittadino del "non mollare mai". Il "no" non è contemplato. Il "mai" neanche a parlarne.

Earl è riuscito a costruire un legame e un rispetto reciproco con i giovani di Liverpool 8. "La squadra è come la mia famiglia", spiega Aws Furghani, che conosce Earl da quando aveva sette anni. "Tutti si sentono importanti ed è questa la cosa che mi piace di più. Il Kingsley mi ha insegnato a essere indipendente e pronto ad aiutare gli altri".

Aws incarna l'attitudine variegata e progressista del Kingsley e di Toxteth. Nel 2012 è arrivato da outsider insieme alla sua famiglia dalla Libia e ha trovato una squadra di calcio e una nuova casa.

Earl Jenkins

Le voci del futuro

Preparare questi giovani ad avere successo nella vita si sta dimostrando sempre più importante con il passare del tempo. Earl e il suo team forniscono ai bambini lezioni di vita invisibili che non ricevono altrove, e attraverso questo lavoro gratificante la comunità fa progressi.

"Attraverso il calcio ci rapportiamo con i giovani. Vogliono tornare da noi non perché gli hanno detto di farlo, ma perché vogliono essere coinvolti. Abbiamo delle regole e teniamo lontani i ragazzi da situazioni poco piacevoli come la delinquenza giovanile".

La squadra ha formato diversi buoni giocatori, ma anche insegnanti, medici e architetti, a testimonianza dell'impegno di Earl nel mantenere i giovani sulla strada giusta senza distrazioni.

"Squadre come la nostra e centri per i giovani come lo Unity, oltre ad altre grandi organizzazioni e iniziative della zona, hanno migliorato la vita in quest'area. Ma ora tocca alla prossima generazione essere la voce di questa zona.

Questi ragazzi sono così intelligenti, così impegnati e così brillanti che alla loro età mi avrebbero messo i piedi in testa. Penso davvero che questa generazione sia all'altezza della sfida. Non chiedergli però di arrivare in anticipo, né di aiutare a stabilire obiettivi. Non ne sono in grado".

In fin dei conti, Earl non fa che incoraggiare i giovani a giocare a calcio. Ma fa anche molto più di questo. Sfrutta lo sport per incanalare la grande energia dei giovani, insegnando loro a gestire il tempo, ad assumersi le proprie responsabilità per se stessi e per la comunità e a rispettare i compagni di squadra.

I principi semplici della sportività stanno contribuendo alla crescita dei giovani di Toxteth e a plasmare il loro brillante futuro.